PEC ai cittadini

La PEC delle POSTE: pro e contro

condividi su

29938visite totali .

Condividi questo articolo

Partiamo dai PRO:

1. E’ gratuita per il richiedente. E’ possibile richiederla dal sito web https://www.postacertificata.gov.it e seguire la procedura richiesta per l’attivazione. Nessun costo per l’attivazione ne’ per le trasmissioni certificate che transitano sulla casella.

2. Vengono forniti POP e IMAP per poter scaricare la posta via client (è possibile impostare la visualizzazione in automatico insieme agli altri accounti di posta standard, senza necessità di collegarsi via webmail) –  (vedi anche Che cos’è la webmail?, Che cos’è un client di posta?)

3. La casella avrà una sintassi di questo tipo: nome.cognome@postacertificata.gov.it (non male se siete il primo…)

Quanto ai CONTRO:

1. Per l’attivazione è necessario in ogni caso recarsi fisicamente ad uno sportello delle Poste Italiane a completamento della procedura di richiesta effettuata preventivamente on-line.

2. Non tutti gli uffici postali sono abilitati all’attivazione della casella pec. Dovrete verificare preventivamente in quale ufficio recarvi (trovate sul sito la possibilità di cercare l’ufficio postale più vicino a voi in base al CAP).

3. Se non siete gli unici a portare il vostro nome è possibile che la casella email certificata diventi mario.rossi12353@postacertificata.gov.it

4. Rimane comunque una CEC-PAC, pertanto sarà possibile comunicare SOLO da e a indirizzi pec della Pubblica amministrazione (non certo per mandare -ad esempio- una disdetta al vostro operatore telefonico).

5. DIVENTERA’ IL VOSTRO RECAPITO LEGALE nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Si legge infatti nelle Condizioni generali del Servizio di Posta Certificata: “L’Utente prende atto e accetta che
(i) la casella di Postacertificat@ assegnata, unitamente ai dati di anagrafica, domicilio/residenza, ed altri eventuali indirizzi di posta elettronica, verrà inserita all’interno dell’elenco degli indirizzi dei cittadini e resa quindi visibile a tutte le PA attive sul circuito Cittadino – PA, nel rispetto dei vincoli e della normativa sulla riservatezza e
(ii) l’attivazione del Servizio di Postacertificat@ costituisce anche esplicita accettazione dell’invio da parte di tutte le PA aderenti di tutti i atti/provvedimenti che lo riguardano.

“Tutti i documenti” che possono essere anche multe: se non leggete la posta pec e non pagate una multa, peggio per voi! ( Io cittadino: la voglio proprio la CEC-PAC? )

contenuto revisionato martedì 11 febbraio 2014

Articoli collegati